Secondo il vocabolario, il significato di deludere è : “Venire meno alle aspettative, alle previsioni, alle speranze di qualcuno, suscitando disagio, amarezza, sconforto o disappunto.

Alla parola deludere, pensiamo subito qualcosa di brutto; infatti anche il vocabolario abbina alla delusione sentimenti fastidiosi come l’amarezza, lo sconforto e il disagio.

Prova a pensare alle emozioni dolorose che hai provato quando:

Qualcuno ti ha deluso

Ti sei auto delusa,

Tu hai deluso qualcuno.

  • Nel primo caso, ci rimaniamo troppo male; troppo brutto quando qualcuno distrugge le nostre idee su quella persona, la nostra fiducia, le nostre aspettative;
  • Nel secondo, quando siamo noi stesse a deluderci, ci sentiamo un po’ perse, ” chi sono io, se non sono quella che credevo di essere”?
  • Nel terzo caso, deludere qualcun altro, dipende da chi è quel qualcuno, ma se di delusione si tratta probabilmente è qualcuno a cui teniamo molto e proprio per questo la delusione che gli stiamo dando ci fa un male incredibile. Accettare di aver deluso quella persona è doloroso. Ma se l’abbiamo fatto, nel modo giusto, presto quel dolore potrà trasformarsi per entrambi.

Cosa c’entra allora la frase deludere per vivere??

Deludere significa rompere le illusioni
-Luca D’alessandro-

La prima volta che ho letto questa frase in un post di Luca d’Alessandro
ero in un periodo della mia vita molto doloroso. Avevo appena deluso per la prima volta le 3 persone più importanti della ia vita.

I miei genitori e una parte di me. Era l’inizio del 2015.

Che dolore rompere quell’illusione! Ma un’illusione è qualcosa che non esiste, qualcosa che stiamo immaginando, che una parte di noi desidera, ma che comunque non esiste nel presente.
E’ un’ aspettativa del nostro Ego.

Quando mi sono resa conto che in quel presente la vita in azienda non era più per me, che i ruoli e gli schemi rigidi mi stavano stretti e che l”unica cosa che avrei voluto in quel momento era poter esplorare me stessa e il mondo, tra l’entusiasmo e la paura si celavano altre 2 emozioni fortissime:

Il dispiacere nei confronti dei miei genitori “non sono come mi vuoi” e la confusione in me stessa. “Chi sono io allora?

Avevo lavorato parecchio nell’ultimo anno su me stessa per prepararmi ad affrontare tutto questo, per riuscire a stare dentro quelle sensazioni e non fuggire. In questi momenti tornare sui nostri passi è un attimo!

E’ il processo della delusione a farci rinascere, non la delusione stessa!!!

Bisogna riuscire a starci dentro e accettare l’atto liberatorio che è in corso. Accettare la realtà che stiamo vivendo ci riporta a noi stesse e qualche volta ci ri-avvicina gli altri. Quelle stesse persone che abbiamo prima deluso e poi, forse riconquistato attraverso quello che di più vero si è manifestato di noi.
Si tratta di smontare qualcosa che nel tempo (a volte anni) si è costruito; l’idea che ci siamo fatti di qualcosa che doveva andare in un certo modo.

  • Gli altri si fanno illusioni sulla persona che siamo, sui nostri valori, sui nostri desideri. Ci immaginano come da loro aspettativa e poi soffrono quando non rispettiamo il loro programma mentale.
    E anche noi soffriamo, se manteniamo le loro aspettative, stiamo male in un modo, e se le distruggiamo, in un altro.
  • A volte ci facciamo illusioni sulla nostra vita. Attenzione è diverso da sogni. Le illusioni di cui parlo sono idee, stereotipi, pensieri , giudizi, costrizioni e azioni che hanno contribuito a farci costruire la maschera che stiamo indossando. Questa stessa maschera che ci fa desiderare cose e vivere stili di vita che in realtà non ci fanno stare bene; finche non ce ne rendiamo conto.
  • Spesso abbiamo aspettative sulla vita di chi amiamo, e poi restiamo profondamente delusi se le cose non vanno come vorremmo. Ma non siamo noi a scegliere la reale natura di quella persona; noi possiamo solo decidere cosa fare dopo la rottura della nostra illusione.

la delusione avviene come rottura di regole, come atto liberatorio , che ci da la possibilità di vedere la verità e imparare a vivere nel presente fluendo con i cambiamenti che come ormai sappiamo sono l’unica sicurezza della nostra vita.

Non ti venga in mente di diminuire la tua luce perché qualcun altro si senta comodo!

-Muher Semilla-

L’argomento che ho trattato in questo articolo nasce dallo spunto di una mia cliente con la quale abbiamo affrontato insieme il percorso che l’ha accompagnata dalla scoperta di se stessa fino alla presa di responsabilità totale della sua vita, passando inevitabilmente dalla delusione che ha dato ai suoi genitori quando ha deciso di non mantenere le aspettative che avevano costruito per lei.

Il dolore era forte e facendo un sondaggio in Instagram ho capito quanto questo argomento toccasse in un modo o nell’atro tutte noi. Campionesse di delusione, ma ancora spesso non abbastanza preparate al processo emotivo che porta con se!

Spero che queste poche righe ti abbiano dato un nuovo punto di vista.

Ti auguro di poter vedere la delusione come atto liberatorio e di IMPARARE A DELUDERE!

Deludere qualcuno significa liberare noi stessi e gli altri dalle illusioni che ci imprigionavano.

-Luca d’Alessandro-

Leave a comment