Per avere una relazione con qualcuno dobbiamo prima di tutto riconoscerlo e dagli la possibilità di scambiare informazioni con noi.

Nei primi 2 video ho voluto parlarti del valore del verbo abitare e di quanto la qualità del nostro abitare influenzi la qualità della nostra vita.

Abitare è il verbo che usiamo per indicare che casa e persona si incontrano per creare il loro Spazio per Vivere.

Oggi voglio parlarti della tua casa e per farlo prenderò spunto da questo libro.

Caterina Locati nel testo “ la vita segreta delle case” ci invita ad allargare la nostra visione tradizionale della casa, facendosi aiutare da questa immagine per farci comprendere.

Iceberg.

Quando pensiamo alla parola casa, subito vediamo il suo aspetto più materiale, ma se pensiamo ad una casa in particolare probabilmente insieme alla “fotografia” della stessa, proveremo anche la sensazione che quella casa ci trasmette.

Ci sono case in cui stiamo davvero bene, che ci fanno venire voglia di restare. Anche queste case hanno qualche difetto magari, eppure non è importante perché come ci fanno sentire ci piace. Forse sono luminose, ben arredate, profumate o posizionate in un luogo naturale, ma siamo sicure che sia questo il motivo?

  • E’ possibile che il fattore estetico possa influire sulla sensazione che ci trasmette una casa?

Certamente si direi, ma con altrettanta certezza posso garantirti che quello estetico non è l’unico fattore che influisce sull’ambiente.

Immagino ti sarà capitato di essere in luoghi molto belli, ma poco accoglienti, di percepire tensione nell’aria o di avere il desiderio di allontanarti perché “ a pelle” non ti sentivi a tuo agio. Ti è capitato, vero? Chissà quante volte.

Non necessariamente un bel posto è un buon posto:
I fattori estetici e funzionali sembrano non essere i soli a determinare il livello di benessere delle persone.

  • Perché accade questo?

La parte emersa dell’iceberg corrisponde proprio alla parte materiale della nostra casa, quella con la quale siamo abituati ad entrare in contatto, fatta di muri, arredi, oggetti.. Questi oggetti, sono parte integrante della nostra abitazione ma anche qualcosa di più di più perché le nostre scelte rappresentano anche una parte di noi.

Infatti la parte che possiamo vedere è molto importante perché come il nostro corpo, ci mostra l’aspetto della nostra casa che è la somma di tutti i fattori che la costituiscono e lo specchio delle persone che la abitano . 

Ovviamente questa parte che possiamo vedere è costantemente influenzata da tutto quello che c’è ma non si vede.

  • A cosa mi riferisco?

Alla parte sotto l’acqua, quella nascosta, ma molto grande che rappresenta la parte energetica della casa, la parte non visibile ma che influisce e scambia energia con tutta la parte visibile della casa e soprattutto con la persona.

Per poter davvero parlare di Abitare Felici, non possiamo ignorare questo aspetto.

La tua casa è piu viva di quanto pensi.

Quante volte abbiamo sentito parlare di energia negli ultimi anni?

La fisica quantistica ha dimostrato ciò che heinstain ave agia anticipato attraverso la sua formula: E=MC2 evidenziando che la materia non è altro che una forma di energia molto compatta. Ogni oggetto, ogni essere vivente emana delle onde di energia che si connettono ad altre onde di energia e si scambiano continuamente informazioni. 

Per trarre il massimo beneficio dalla propria abitazione, occorre essere un po’ coraggiose e aver voglia di uscire dalla zona di confort dove crediamo di conoscere tutto della nostra casa e del nostro raporto con essa.

  • La relazione con la nostra casa, ha il potere di influenzare la nostra vita, ma in che modo?

Dal momento in cui entriamo in contatto con la nostra casa per la prima volta iniziamo a scambiare le nostre informazioni con l’ambiente circostante, nutrendolo e costruendolo sia a livello fisico che energetico.

Lo spazio interno alle nostre mura inizia ad assorbire la nostra energia che noi emaniamo sotto forma di pensieri, emozioni, parole, immagini, azioni, comportamenti ecc… e a sua volta, scambia con noi le informazioni che ha acquisito nel tempo.

Se vogliamo che il nostro abitare sia felice e che influenzi positivamente la nostra vita, è importante iniziare a riconoscere le case non solo come oggetti inanimati dandogli la possibilità di essere guardate con occhi diversi e ascoltate perché ogni casa ha una sua “anima” che si è costruita negli anni e che senza saperlo si mostra a noi sottoforma di sensazioni e percezioni che ci fa vivere al suo interno.

Siamo noi che attraverso l’atto di riconoscerla come tale iniziamo a interagire con essa. Attraverso l’attenzione che le dedichiamo, le parole di amore e rispetto che utilizziamo al suo interno e nei suoi confronti, possiamo davvero creare una relazione funzionale in grado di sostenerci e aiutarci ogni momento che la abitiamo.

Anche oggi il mio intento era quello di darti una nuova visione della tua casa, non sono entrata nel dettaglio di quello che ti ho detto perchè vorrei che iniziassi a comprendere che la tua casa è molto di più di quello che tu puoi vedere, così come tu sei molto di piu del tuo corpo.

Voglio quiondi salutarti consigliandoti un piccolo esercizio da fare proprio nella tua casa.

Riporta alla memoria un momento in cui ti sei sentita molto bene in un luogo, un posto in cui ti sentivi bene da 0 a 10, 10!

Poi siediti comoda dentro la tua casa, chiudi gli occhi e resta li qualche minuto in ascolto.

Rilassati e mettiti in ascolto.

Da 0, che significa malissimo a 10, valore che hai attribuito al momento in cui ti sei sentita davvero bene in un luogo;quale voto dai alla sensazione che ti trasmette la tua casa?

Se vorrai potrai farlo in ogni stanza per capire anche più nel dettaglio in quale ambiente ti senti meglio o peggio.

Sembra un esercizio superficiale, ma solo facendolo potrai iniziare a comprendere le mie parole e a costruire una relazione più profonda con il tuo spazio per vivere, inteso come la tua casa e la parte più profonda di te.

L’essenziale è invisibile agli occhi -Piccolo Principe-

Leave a comment